Noi sosteniamo l' Emporio della Solidarietà


Scegliere di aiutarci, sostenerci con piccole donazioni, fare volontariato o acquistare presso il nostro Mercatino significa collaborare con noi a tenere viva un’impresa sociale che da sempre lavora al servizio della persona e della tutela dell’ambiente.
Image

Cos'è l'Emporio?


L’Emporio della Solidarietà di Lecce
 nasce dall'intuizione di “una famiglia” di volontari della Comunità Emmanuel impegnata già da alcuni anni nell'attività di raccolta fondi a favore di interventi sociali sia in Italia che all'Estero.  Nel 2009 ha sentito per prima il bisogno di rispondere alle fredde statistiche sulle “nuove povertà”, progettando e pianificando la realizzazione del primo Emporio della Solidarietà in Puglia, raccordandosi con Caritas Diocesana di Roma che aveva già realizzato questo servizio primo in Italia.

Il contributo della Comunità Emmanuel ha messo a disposizione del progetto, a titolo gratuito, un capannone di sua proprietà, trasformato in un supermercato di 500 mq munito di scaffali e casse automatizzate. Ai poveri aventi diritto, viene assegnata una Card e un credito di spesa, con la quale (nel rispetto della propria dignità), possono fare GRATIS la spesa, scegliendo in piena libertà cosa mangiare.

Come facciamo?


Il Mandorlo accetta donazioni di oggetti tenuti in buono stato, siano essi articoli per la casa, arredamenti, elettrodomestici, articoli da ufficio, etc.

Offre servizi di sgomberi gratuiti di appartamenti, solai, cantine, uffici, oggettistica, libri, quadri, mobili e arredi valorizzabili.

Tutta la merce ricavata dagli sgomberi viene rivisitata dai laboratori attraverso la selezione, il recupero e riuso degli stessi, nel rispetto del pianeta e dell’ambiente (in linea con le direttive della Comunità Europea) e messa in vendita nel Mercatino di via della Ferrandina 1 a Lecce, nella falegnameria stessa (con appostita esposizione) ed online sul sito ad esso dedicato.

Tutto il ricavato viene devoluto a sostegno delle famiglie in difficoltà aventi diritto ai sussidi dell'Emporio della Solidarietà di Lecce. 
Image